Gallery news

print/design

Follow me:

Drb Tw Be Pin

Official Rossella Rossi

  /  Mostre   /  Parenti District – Salone del Mobile 2019

Parenti District – Salone del Mobile 2019

Rossella Rossi: casa-atelier

Dove: Piazza Medaglie d’oro, 1
Quando: 9 – 14 aprile | h 13 > 19 (fuori orario su appuntamento)
Parenti District

 

Viaggio nell’acqua tra pittura, design e architettura.

“Da sempre sono stata affascinata dalla magia dell’acqua e dalla forza del mare”. Rossella Rossi, pittrice dell’acqua, apre la sua casa-atelier nel Parenti district in occasione della Design week 2019 e del centenario della fondazione del palazzo tardo Liberty così soprannominato il “Castelletto” per i suoi caratteristici camini e le sue magnifiche sculture. Una ideale via dell’acqua collega il teatro Franco Parenti ed i Bagni Misteriosi cuore del Parenti district con l’atelier dell’artista/biologa di origine ligure Rossella Rossi.

In questa casa d’epoca dove passato e presente si coniugano in eclettici spazi funzionali, potrete scoprire dipinti, da cui emergono forme e luoghi d’ acqua, vivere in armonia con le creazioni dell’architetto Francois Muracciole che ritorna in questa occasione nella dimora da lui progettata e per la quale ha disegnato oggetti e arredi che sono stati fabbricati nel suo laboratorio nel cuore di Parigi. La maison d’edition Assemblage-m, di cui è il fondatore, nasce infatti con lo scopo di produrre e diffondere oggetti, curiosità, arredi che nascono insieme a un progetto architettonico

In questo contesto si inserisce VagoeVago arricchendolo e potenziandolo.

VagoeVago.com rappresenta l’unione di eccellenze italiane nel campo del design e della manifattura.
Progetti su misura, scelta, consulenza e vendita di pezzi iconici con realizzazioni di ambienti unici e
raffinati.
“Montanara” sofà, tra poco fuori produzione, è tra le scelte fatte da VagoeVago, dove l’acqua di Pesce
sembra fluire nelle liquide tele dell‘artista.

Inoltre si potranno ammirare due lavori in metallo di Ron Arad, tre sculture in ferro e vetro di Lorenzo Passi e una poltrona in acciaio e cotone di Sabrina Baldacchini.